I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 26/02/2016

All'indirizzo http://cartelle-esattoriali.diritto.it/docs/37873-diniego-di-autotutela-sugli-atti-di-valore-fino-a-20mila-euro

Autore: Graziotto Fulvio

Diniego di autotutela sugli atti di valore fino a 20mila euro

Diniego di autotutela sugli atti di valore fino a 20mila euro

Pubblicato in Diritto tributario, Giurisprudenza tributaria il 26/02/2016

Autore

50130 Graziotto Fulvio
Pagina: 1 2 di 2

Sul diniego di autotutela per gli atti di valore fino a 20mila euro, oltre al ricorso, è bene valutare anche la presentazione del reclamo mediazione.
La questione.
Le controversie riguardanti il diniego di autotutela in materia fiscale ricadono nella giurisdizione tributaria, ma non è chiaro se in caso di atti di valore fino a 20mila euro sia obbligatorio proporre reclamo mediazione, eventualmente seguito, in caso di mancata risposta da parte dell'Ufficio, dal deposito del reclamo/ricorso presso la Commissione Tributaria Provinciale nei 90 giorni successivi.
Il sindacato da parte del giudice tributario.
Sentenza n. 23765/2015 Cassazione Civile - Sez. 5
Come ha chiarito la Cassazione (sentenza n. 23765/2015) il sindacato del giudice tributario deve vertere solo sul corretto esercizio del potere discrezionale dell'Amministrazione, nei limiti e nei modi in cui è suscettibile di controllo giurisdizionale.
Nella decisione, la Cassazione precisa anche che «è impugnabile di fronte alle Commissioni tributarie il diniego di autotutela in quanto l'attribuzione al giudice tributario di tutte le controversie in materia di tributi comporta che anche quelle relative agli atti di esercizio dell'autotutela tributaria, incidendo sul rapporto obbligatorio tributario, sono devolute al giudice indipendentemente dall'atto impugnato e dalla natura discrezionale dell'esercizio dell'autotutela tributaria. Nel giudizio instaurato contro il rifiuto di esercizio di autotutela può esercitarsi un sindacato solo sulla legittimità di rifiuto e
non sulla fondatezza della pretesa tributaria" (SS.UU. 9669/09; 3442/15; 25524/14; 11457/10).»
Quando l'Amministrazione Finanziaria non procede in autotutela, i rimedi dipendono dai vizi eccepiti dal contribuente, che dovrà identificare e sollevare adeguatamente i vizi di legittimità relativi all'atto con i quale è stato negato l'annullamento dell'atto impositivo in autotutela.
Osservazioni.
Nel caso di atti di valore fino a 20mila euro, potrebbe essere opportuno proporre sia il ricorso presso la Commissione Tributaria Provinciale, sia l'istanza di reclamo, in modo da evitare il rischio che il giudice tributario ritenga inammissibile il ricorso perché non è stato preventivamente esperito il reclamo, e conseguentemente il diniego diventi definitivo.
In tal modo, il contribuente può costituirsi nuovamente in giudizio dopo i 90 giorni concessi all'Ufficio per pronunciarsi.
L'Agenzia delle Entrate ha precisato (Circ. 3/8/2012 n. 33, §5) che se l'atto, in origine, era di valore superiore

Libro in evidenza

250 motivi  di opposizione agli atti fiscali

250 motivi di opposizione agli atti fiscali


Questo volume costituisce una rassegna di motivi di opposizione organizzati in relazione alle singole tematiche fiscali. La materia del contendere non sempre è di facile ed univoca interpretazione per cui i motivi vengono ad essere importanti strumenti per difendersi dagli organismi...

19.00 € 16.15 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

superiore a 20mila euro ma, per effetto dell'autotutela, viene ridotto sotto a tale soglia prima della notifica del ricorso, il reclamo appare comunque necessario.

Disposizioni rilevanti.
DECRETO LEGISLATIVO 31 dicembre 1992, n. 546
Disposizioni sul processo tributario
Vigente al: 20-2-2016
Art. 17-bis - Il reclamo e la mediazione
1. Per le controversie di valore non superiore a ventimila euro, il ricorso produce anche gli effetti di un reclamo e può contenere una proposta di mediazione con rideterminazione dell'ammontare della pretesa. Il valore di cui al periodo precedente è determinato secondo le disposizioni di cui all'articolo 12, comma 2. Le controversie di valore indeterminabile non sono reclamabili, ad eccezione di quelle di cui all'articolo 2, comma 2, primo periodo.
2. Il ricorso non è procedibile fino alla scadenza del termine di novanta giorni dalla data di notifica, entro il quale deve essere conclusa la procedura di cui al presente articolo. Si applica la sospensione dei termini processuali nel periodo feriale.
3. Il termine per la costituzione in giudizio del ricorrente decorre dalla scadenza del termine di cui al comma 2. Se la Commissione rileva che la costituzione è avvenuta in data anteriore rinvia la trattazione della causa per consentire l'esame del reclamo.
4. Le Agenzie delle entrate, delle dogane e dei monopoli di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, provvedono all'esame del reclamo e della proposta di mediazione mediante apposite strutture diverse ed autonome da quelle che curano l'istruttoria degli atti reclamabili. Per gli altri enti impositori la disposizione di cui al periodo precedente si applica compatibilmente con la propria struttura organizzativa.
5. L'organo destinatario, se non intende accogliere il reclamo o l'eventuale proposta di mediazione, formula d'ufficio una propria proposta avuto riguardo all'eventuale
[...]
Pagina: 1 2 di 2

Poni un quesito in materia di Diritto tributario


Libri correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli