I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 08/03/2016

All'indirizzo http://cartelle-esattoriali.diritto.it/docs/37931-accertamento-sintetico-dei-redditi-a-persone-fisiche-e-prova-dei-redditi-esenti-o-tassati-alla-fonte

Autore: Graziotto Fulvio

Accertamento sintetico dei redditi a persone fisiche e prova dei redditi esenti o tassati alla fonte

Accertamento sintetico dei redditi a persone fisiche e prova dei redditi esenti o tassati alla fonte

Pubblicato in Diritto tributario il 08/03/2016

Autore

50130 Graziotto Fulvio
Pagina: 1 2 di 2

Decisione: Ordinanza n. 1455/2016 Cassazione Civile - Sezione VI
Classificazione: Tributario
Parole chiave: accertamento - accertamento sintetico induttivo - prova contraria
 
Il caso.
Un contribuente vedeva rideterminato il suo reddito secondo le presunzioni del vecchio redditometro, e nei due giudizi di merito veniva confermata la pretesa tributaria perché non era stata fornita la prova contraria in maniera ritenuta sufficiente.
Il contribuente ricorreva quindi in Cassazione, la quale ha accolto il ricorso e ha cassato la decisione di secondo grado, con rinvio per nuova valutazione alla Commissione Tributaria Regionale in diversa composizione.
La decisione.
Ordinanza n. 1455/2016 Cassazione Civile - Sezione VI
La Cassazione ha ricordato che, dopo un primo orientamento giurisprudenziale nel quale si affermava che il contribuente era tenuto a dimostrare che la spesa per incrementi patrimoniali fosse stata sostenuta proprio con redditi esenti o assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo di imposta, l'orientamento successivo non richiede la prova circa l'effettiva destinazione di tali redditi esenti o tassati alla fonte a titolo definitivo.
Più di recente, una recente pronuncia (Cass. 8995/2014) ha però chiarito i confini della prova contraria a carico del contribuente in caso di accertamento induttivo sintetico ai sensi dell'art. 38 D.P.R. n. 600/1973: attraverso idonea documentazione, il contribuente può dimostrare che il maggior reddito determinato sinteticamente è costituito da redditi
esenti o tassati alla fonte a titolo definitivo, che consenta però di escludere che tali redditi siano stati usati per altre finalità non considerate nell'accertamento quali, ad esempio, un ulteriore investimento.
Qui di seguito il testo esteso dell'ordinanza sui punti citati: «Secondo un precedente indirizzo giurisprudenziale di questa Corte, seguito dalla CTR nell'impugnata sentenza, in tema di accertamento delle imposte sui redditi, qualora l'Ufficio determini sinteticamente il reddito complessivo netto, in relazione alla spesa per incrementi patrimoniali, la prova documentale contraria ammessa per il contribuente dal D.P.R. n. 600 del 1973, art. 38, comma 6, non "riguarda la sola disponibilità di redditi ovvero di redditi esenti o di redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta, ma anche l'essere stata la spesa per incrementi patrimoniali sostenuta proprio con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta, e non già con qualsiasi

Libro in evidenza

300 motivi di opposizione alle esecuzioni fiscali

300 motivi di opposizione alle esecuzioni fiscali


Questo testo tratta degli strumenti giuridici necessari per poter contra- stare l’ESECUZIONE FISCALE. L’organizzazione dei motivi di opposizio- ne, tra TECNICA e PRATICA, rappresenta un nuovo strumento per il professionista, in quanto oltre alla teoria ed al riscontro giurisprudenzia- le e...

20.00 € 17.00 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

qualsiasi altro reddito (dichiarato)" (Cass. n. 6813/2009; Cass. 23785/2010; Cass. n. 4183/2013).

Siffatto principio è stato, tuttavia, da ultimo superato da questa Corte (Cass. 6396/2014), che ha invece ritenuto che nessun'altra prova deve dare la parte contribuente circa l'effettiva destinazione del reddito esente o sottoposto a tassazione separata agli incrementi patrimoniali se non la dimostrazione dell'esistenza di tali redditi"; nè può evincersi "un onere di dimostrazione, aggiuntivo, circa la provenienza oltre che l'effettiva disponibilità finanziaria delle somme occorrenti per gli acquisti operati dal contribuente", in quanto "una diversa interpretazione, in nessun modo correlata al tenore testuale del ricordato art. 38, comma 6, ult.cit., determinerebbe in definitiva, una sorta di trasfigurazione del presupposto impositivo, non più correlato all'esistenza di un reddito ma, piuttosto, all'esistenza di una spesa realizzata da redditi imponibili ordinari e congrui o da redditi esenti o da redditi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo d'imposta"; con recente pronuncia questa Corte (Cass. 8995/2014) ha poi ulteriormente chiarito i confini della prova contraria a carico del contribuente, a fronte di un accertamento induttivo sintetico D.P.R. n. 600 del 1973, ex art. 38, specificando che "a norma del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 38, comma 6, l'accertamento del reddito con metodo sintetico non impedisce al contribuente di dimostrare, attraverso idonea documentazione, che il maggior reddito determinato o determinabile sinteticamente è costituito in tutto o in parte da redditi esenti o da redditi soggetti a ritenute alla fonte a titolo di imposta, tuttavia la citata disposizione prevede anche che "l'entità di tali redditi e la durata del loro possesso devono risultare da idonea documentazione". La norma chiede qualcosa di più della mera prova della disponibilità di ulteriori redditi (esenti ovvero soggetti a ritenute alla fonte), e, pur non prevedendo esplicitamente la prova che detti ulteriori redditi sono
[...]
Pagina: 1 2 di 2

Poni un quesito in materia di Diritto tributario


Libri correlati

Articoli correlati

  • convegno - (05/05/2005) - prova