I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 12/05/2016

All'indirizzo http://cartelle-esattoriali.diritto.it/docs/38211-e-legittima-la-cartella-di-pagamento-da-controllo-formale-anche-se-l-invito-non-correttamente-notificato

Autore: Graziotto Fulvio

E’ legittima la cartella di pagamento da controllo formale anche se l'invito non è correttamente notificato?

E’ legittima la cartella di pagamento da controllo formale anche se l'invito non è correttamente notificato?

Pubblicato in Diritto tributario il 12/05/2016

Autore

50130 Graziotto Fulvio
Pagina: 1 2 3 di 3

E’ legittima la cartella di pagamento da controllo formale anche se l'invito non è correttamente notificato? Nella procedura di controllo formale, non è per forza detto che l'Ufficio ravvisi aspetti dubbi che necessitino di essere chiariti, nel qual caso ben può ritenere di non invitare il contribuente a fornirli.
 
Decisione: Sentenza n. 4591/2016 Cassazione Civile - Sezione 5
Classificazione: Tributario
Parole chiave: accertamento - controllo formale - cartella di pagamento - omessa richiesta di chiarimenti – legittimità
 
Il caso.
A seguito di un controllo formale, un contribuente impugnava la cartella di pagamento lamentando, tra i vari motivi, anche la mancata regolare notifica a produrre documenti e sull'esito del controllo, spuntandola in primo grado; in appello, però, la Commissione Tributaria Regionale riformava la decisione confermava la legittimità del provvedimento, ritenendo inviate le comunicazioni al contribuente, ma omettendo di pronunciarsi su altri capi della domanda.
Il contribuente propone ricorso on Cassazione.
 
La decisione.
La Cassazione ha fornito chiarimenti sulla procedura di controllo formale.
La Cassazione esclude che si possa ravvisare l'errore di diritto lamentato dal ricorrente basato sull'art 36-ter del DPR 600/1973: l'invito al contribuente ha carattere eventuale. Afferma, infatti, la Suprema Corte che «E' dubitabile invero che il ricorrente abbia interesse a dolersi della pretesa violazione dell'art. 36-ter, comma terzo, D.P.R. 600/73 lamentata con il primo motivo: il carattere eventuale dell'invito ivi previsto, che l'ufficio è tenuto a formulare, come sopra
si è ricordato, solo se nel corso dell'attività di controllo emergano dalla dichiarazione elementi e dati rispetto ai quali si renda necessario richiedere chiarimenti al soggetto passivo o si renda necessario invitarlo alla produzione di documenti non allegati o difformi da quelli in possesso dell'amministrazione, mette preventivamente l'ufficio al riparo da contestazioni, dal momento che il suo inoltro della cui omissione si lamenta nella specie appunto il ricorrente eccependone, come visto, il mancato ricevimento non costituisce un adempimento necessitato, neppure in funzione della successiva comunicazione di cui al comma quarto, atteso che l'ufficio è tenuto all'invio di quest'ultima anche se nella fase di verifica abbia ritenuto che non si dovessero chiedere chiarimenti di sorta al dichiarante o che lo stesso non dovesse essere invitato ad eseguire ulteriori produzioni documentali».
E chiarisce che «se nella sequenza procedimentalizzata delle attività di controllo

Libro in evidenza

250 motivi  di opposizione agli atti fiscali

250 motivi di opposizione agli atti fiscali


Questo volume costituisce una rassegna di motivi di opposizione organizzati in relazione alle singole tematiche fiscali. La materia del contendere non sempre è di facile ed univoca interpretazione per cui i motivi vengono ad essere importanti strumenti per difendersi dagli organismi...

19.00 € 16.15 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

controllo previste dall'art. 36-ter citato, l'amministrazione può ben prescindere dalla formulazione dell'invito quando non ne sussista la necessità, il ricorrente non ha in linea di principio titolo a lamentarne l'omesso ricevimento potendo infatti non essergli mai pervenuto perché appunto l'amministrazione, non ravvisando la sussistenza delle condizioni richieste dal comma terzo dell'art. 36-ter, abbia ritenuto di non fargliene mai invio».
Ad ulteriore conferma, la Cassazione richiama anche la precedente giurisprudenza in relazione all'iscrizione a ruolo a seguito di correzione di mero errore materiale: «la giurisprudenza di questa Corte ha reiteratamente riconosciuto in relazione al controllo automatizzato di cui all'art. 36-bis D.P.R. 600/73, affermando che "in tema di riscossione delle imposte, l'art. 6, comma 5, della legge 27 luglio 2000, n. 212 non impone l'obbligo del contraddittorio preventivo in tutti i casi in cui si debba procedere ad iscrizione a ruolo, ai sensi dell'art. 36-bis del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, ma soltanto "qualora sussistano incertezze su aspetti rilevanti della dichiarazione", situazione, quest'ultima, che non ricorre nel caso in cui nella dichiarazione vi sia un mero errore materiale».
La Corte di legittimità, nell'esaminare il ricorso, precisa anche che «Un interesse a dolersi dell'omesso invio dell'invito sarebbe in ipotesi riconoscibile in capo al dichiarante solo se in detta preliminare fase di controllo l'attività valutativa dell'ufficio si soffermi ad analizzare dati ed elementi emergenti dalla dichiarazione che, se fatti oggetto di un preventivo confronto con la parte, appunto attivando il meccanismo informativo del terzo comma, avrebbero potuto evitare una rettifica reddittuale. Ma, in disparte la considerazione che questa situazione non ricorre nel caso di specie, in quanto il ricorrente nell'esposizione del motivo non allega alcuna circostanza in questa direzione».
Nel confermare che sussiste, invece, un obbligo di comunicazione relativamente agli esiti finali del controllo; per la quale si impone
[...]
Pagina: 1 2 3 di 3

Poni un quesito in materia di Diritto tributario


Libri correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli